16 agosto 2009

La marcialonga nasce nell’agosto del 1975 ad opera di Antonio La Sala. La manifestazione era inizialmente una corsa competitiva di 15/18 Km da percorrere tra le campagne cesinalesi. L’anno successivo, i contadini proposero, invece, una passeggiata ecologica con tappe di ristoro offerte dagli stessi. L’evento fu, inoltre, inserito tra i festeggiamenti in onore di San Rocco, per far assaporare i piaceri della festa del santo anche ai contadini, che di sera non potevano lasciare incustodite le campagne e gli animali per recarsi al paese. I partecipanti erano prevalentemente cesinalesi, ma anche gente che tornava da lontano, proprio in occasione della festa del santo patrono. Il numero di iscrizione più alto raggiunto si ebbe nell’agosto del 1981, a soli nove mesi dal terribile terremoto che spazzò via gran parte dell’Irpinia. La manifestazione si tiene al mattino, con varie tappe-ristoro, fino al pranzo finale. Nel pomeriggio si organizzano giochi di gruppo, suddivisi in fasce di età e in conclusione la corsa competitiva e la proclamazione e la premiazione dei vincitori la sera della festa. Se inizialmente le soste erano offerte da coloro che abitavano la campagna, oggi non è più così. La marcialonga oggi è finanziata dagli sponsor e dalle iscrizioni dei partecipanti. Da diversi anni la marcialonga prende il nome di “Passeggiata ecologica cesinalese dedicata ad Erika Cocchia” e, da qualche tempo non rientra più nella festa per il santo patrono e si svolge nella prima metà di agosto.